Melatonina

La Melatonina è un ormone prodotto principalmente da una zona specifica del nostro Cervello: Epifisi o ‘Terzo Occhio’, in misura minore dalla tiroide, dalla retina e dalla mucosa intestinale.
Può essere introdotta anche da fonti naturali alimentari come riso, avena, pomodori, zenzero e latte bovino fresco.

Nei primi tre mesi di vita il livello di melatonina è molto basso e non si manifestano particolari variazioni tra il giorno e la notte, ecco perché il sonno dei neonati è cosi frastagliato.

La produzione di melatonina aumenta progressivamente nel corso della crescita per arrivare ad un suo completamento intorno ai tre anni, con una normalizzazione del sonno. In età adulta si innesca un lento ma progressivo processo di calcificazione della ghiandola produttrice, con una diminuzione di melatonina prodotta e conseguente riduzione delle ore di sonno.

Il ritmo di sintesi e produzione dell’ormone seguono il ritmo Luce-Buio, infatti i livelli di melatonina sono più bassi durante il giorno, crescono dalle ore 20.00 fino a raggiungere un picco tra le ore 22.00 e le ore 2.00.
Se l’esposizione al buio durante il giorno non ne aumenta i livelli, la luce specie bianca o blu dei tablet e smartphone, nelle ore notturne ne riduce i livelli in modo dose-dipendente.
La produzione di Melatonina viene ridotta dagli ormoni tiroidei, il cortisolo (ormone del risveglio), l’alcool, il fumo, la caffeina ed i farmaci antinfiammatori.

La Melatonina viene riconosciuta come Induttore del sonno, la cui somministrazione può essere utile per molti disturbi.

  • Disturbi del sonno: difficoltà ad addormentarsi, risvegli notturni, sonno non ristoratore, tensioni muscolari notturne.
  • Anomalie dei ritmi circadiani: turni lavorativi, jet-lag.
  • Disturbi dell’umore: agitazione, sbalzi d’umore, sindrome pre-mestruale, fame ansiosa serale, calo della concentrazione.

Può essere associata ad altri rimedi fitoterapici come Biancospino, Valeriana, Passiflora, Griffonia, Escolzia… che aiutano e predispongono il corpo al rilassamento.

Ulteriori campi di utilizzo sono:

  • Processi infiammatori
  • Osteoporosi
  • Indebolimento del sistema immunitario indotto da Corticosteroidi
  • Irregolarità del peso corporeo
  • Menopausa
  • In alcune malattie neurodegenerative e nell’invecchiamento precoce.

La possiamo trovare in commercio in varie formulazioni: compresse a lento rilascio, rapido rilascio, bustine, gocce o spray.

Scarica la brochure in formato PDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *